Archivio mensile giugno 2017

Social media marketing, consigli e domande utili.

Social media marketing : novità, tendenze e segreti.

Con il termine social media marketing si indica quel ramo del marketing operativo, che utilizza i social media per attuare delle strategie promozionali e/o commerciali. Mentre il social media management implica la gestione sia organica (aggiornamento e creazione contenuti, risposte, settaggio pagina, profilazione…) che quella a pagamento (campagne con più obbiettivi), il social media marketing riguarda tendenzialmente solo questo secondo aspetto.

Ma come si fa social media marketing ? Per essere professionali ed onesti bisogna partire da un presupposto : tutte le attività di marketing non sono scienza. Ad un’azione non sempre corrisponde una reazione studiata, immaginata, voluta. Il primo consiglio è quello di sperimentare qualunque azione. Investite pochi budget per singole campagne, monitoratene l’andamento per un breve periodo e capirete come strutturare la vera campagna.

Il web è uno strumento ma a differenza di TV, giornali, affissioni, ti da la possibilità di modificare rapidamente gli errori e le inefficienze, di modulare budget e timing istantaneamente. Allora perché non sfruttare questa opportunità. Un secondo fondamentale consiglio è quello di non trascurare alcun dettaglio. Più i social crescono più si specializzano. Utilizzarli professionalmente significa fare attenzione a tutti i particolari. Allora chiedetevi se:

  1. Il messaggio che sto utilizzando è chiaro, semplice, esaustivo, originale, ma soprattutto coerente con l’azione ?
  2. La grafica è curata? Rispetta le regole di formato che il social utilizzato indica?
  3. C’è coerenza, linearità, semplicità tra campagna e azione richiesta? (scarica offerta, acquista subito ecc.)
  4. Hai settato bene la campagna? Target, localizzazione, profilazione, budget e timing ?
  5. Hai predisposto tutti i canali di monitoring per analizzare, controllare, modificare o implementare la tua campagna?
  6. In base all’azione richiesta, il cliente dove viene indirizzato? Gli è data una soluzione rapida ed efficace?
  7. Avete generato un lead per poter gestire i dati all’interno di un unico ambiente e generare risorse per altre attività di marketing?
  8. Fornite assistenza al cliente che sia da chatbot oppure da customer service?
  9. Nella vostra social media strategy è contemplata l’integrazione di più strumenti? Se si ne avete il pieno controllo?
  10. Prima di avviare le campagne avete costruito una relazione con la vostra fanbase?

Un terzo ed ultimo consiglio è quello di non affidare budget a chi non conosce gli strumenti professionali. Metter il post in evidenza è uno dei principali errori che si compiono. Le funzionalità di Facebook, per esempio, sono totalmente inserite nel business manager, solo da qui si può profilare una campagna ottimale, escludendo profili fake, monitorando le conversioni e gestendo al meglio tutti i formati possibili, e gli strumenti come lookalike e tanti altri.

ti è piaciuto? condividilo su

Chatbot , tra next big thing e flop.

Chatbot cosa sono e cosa fanno.

I chatbot sono un surrogato di un assistente personale. Programmi che simulano conversazioni più o meno complesse e sono utilizzati nei centri assistenza on line, guide d’acquisto e primo contatto.

In realtà esistono da almeno 20 anni e fa il suo esordio nel campo del gaming. Le conversazioni tra macchina e umano infatti sono state la base del successo dei video giochi della consolle più famosa al mondo. Ma perché se ne parla tanto in questo nel web marketing e a cosa serve realmente una chatbot.

Iniziamo col dire che la comunicazione subisce delle variabili impossibili da prevedere, dettate dall’uomo, dall’ambiente, dall’empatia, dal grado e conoscenza linguistica e via dicendo. Quando si entra in chatbot, l’assistente virtuale è programmato per un numero di combinazioni e risposte a domande o interazioni. Più si eleva la complessità, più si rischia di avere una comunicazione inefficace. Tuttavia un processo lineare di chatbot sembra facilitare il processo di acquisto online. E’ evidente dunque che la chatbot possa avere due risultati ben diversi.

THE NEXT BIG THING : la chatbot come sistema automatico di risposta breve ed immediata, assistenza rapida ed efficace alle F.A.Q. e indirizzamento al processo di acquisto guidato. Può risultare vincente ma attenzione a programmarlo bene. Se un cliente è pernicioso e richiede particolari informazioni, dettagli su fiscalità dei prodotti, nomi di materiali, potreste incorrere in una figuraccia.

FLOP: prendete ad esempio SIRI o CORTONA le chatbot di Apple e Microsoft. La loro capacità di risposta è vastissima ed è dovuta al riconoscimento vocale di parole presenti nel web. In alternativa, cambiando linguaggio, il rischio è quello di sentirsi rispondere continuamente “non ho capito bene”. Se ciò accadesse in una tipica chat di messaggistica online il risultato sarebbe solo uno: la perdita del contatto/cliente.

Quindi il futuro è sempre più automatizzato ma ATTENZIONE: a parlare siamo bravi tutti, anche le macchine, ad ascoltare e capire in pochi umani, figuriamoci le chatbot.

Vi suggerisco anche di non scaricare i plugin attuali per i principali CMS, sono assolutamente limitati. Aspettate che qualche sviluppatore serio si interessi alla questione, probabilmente il 2018 ci regalerà qualche soddisfazione.

ti è piaciuto? condividilo su

WMF17 la due giorni di Rimini tra novità e cambiamenti nel mondo del web.

WMF17 : Web Marketing Festival 2017, a Rimini la due giorni dedicata al mondo del web marketing.

Il 23 e 24 giugno a Rimini è andato in scena il WMF17 , il festival dedicato al web marketing. Tra novità, aggiornamenti e conferme l’evento ha seguito un fil rouge basato sui “100 passi” da compiere. Sul palco si sono alternati in tanti, moderatori, relatori, profili di prestigio, penne e tastiere del più alto giornalismo italiano. L’apertura ha visto i Modena City Ramblers aprire il meeting proprio con l’omonima canzone “i 100 passi”, canzone che racconta la storia di Peppino Impastato. Da subito si comprende che sarà un WMF con uno sfondo fortemente etico. I 100 passi devono essere compiuti proprio in queste direzioni:

  1. Legalità e rispetto
  2. Immigrazione e razzismo
  3. Accessibilità
  4. Digital Trasformation

Un fitto calendario che ha visto susseguirsi tantissimi interventi. SEO, SEM, Social media e tanto altro ma vediamo di riassumere.

Le social media strategy si fanno sempre più complesse. Non basta conoscere un social network site ma sviluppare strategia su misura. Organico e a pagamento sono due dimensioni ormai parallele ed imprescindibili. I social si trasformano in strumenti di comunicazione digitale avanzata, si producono lead per generare liste di potenziali clienti interessati a prodotti e servizi. L’interazione evolve, in maniera automatizzata. Nascono le chatbot e diventano sempre più strumento di conversione all’acquisto durante il percorso decisionale o in fase di assistenza. La cura dei dettagli, la grafica, la qualità dei contenuti sono tutte peculiarità di un mercato che tende sempre più alla specializzazione. E-commerce e profili professionali, servizi e supporti, vengono presentati in questa quinta edizione. Il digital divide resta un problema evidente e mentre cresce la fruibilità mobile, resta fermo l’ambito e-commerce. Poco sfruttata la frontiera dell’esportazione online.

Insomma si tratta di una fase storica per il web marketing. Profilazioni sempre più dettagliate, azioni curate e strumenti specifici. Questa è la direzione giusta per tenere lontano dall’ambito professionale tanti ciarlatani che, cavalcando la crescita degli investimenti nel web, si improvvisa esperto, social media manager ed invece gabba il cliente creando un danno d’immagine e credibilità all’intero comparto.

 

 

 

ti è piaciuto? condividilo su

Amministrative 2017, chi ha vinto e chi ha perso.

Amministrative 2017, dicono di aver vinto, ma hanno perso tutti.

Si è concluso il secondo turno, quello dei ballottaggi. A colpi di slide, infografiche, grafiche, post e tweet i partiti e i candidati puntano ad auto proclamarsi vincitori. Ma come è andata realmente?

Le amministrative 2017 hanno visto il KO del Partito Democratico, evidenziato le difficoltà del M5S in ambito locale, rivitalizzato il centro destra che pur di vincere è da sempre abituato a mandar giù qualunque tipo di alleanza.

Diciamoci la verità, le amministrative le vinci con voto di scambio, parentele e grandi mischioni. Ecco perché oggi non ha vinto nessuno, hanno perso tutti.

Hanno perso tutti i partiti perché non hanno più la faccia di correre con il loro simbolo e si mascherano dietro ad una galassia di liste e movimenti civici. Hanno perso le segreterie perché hanno proposto e candidato dall’alto nomi che, come foglie di fico, avevano l’obbiettivo unico di coprire il peccato.

Hanno perso i cittadini. Senza più speranza di essere rappresentati, hanno perso perché passivi, non partecipativi.

Hanno perso i candidati, perché sono stati scelti da pochi elettori, rappresentano mediamente 1/4 dei rispettivi elettorati. Hanno perso perché pur di vincere si sono venduti l’anima al diavolo: apparentamenti, alleanze e grandi trame che si scioglieranno non appena uno dei contraenti, in questi ridicoli patti, fiuterà l’occasione di mettere il bastone tra le ruote e si tornerà al voto.

Abbiamo perso tutti perché non si è visto un programma serio, definito e con l’indicazione del come e con quali risorse attuarlo. Abbiamo perso perché nel rumore della politica nazionale, e con i mass media che smuovono sempre i soliti argomenti, ci siamo dimenticati che la politica locale si compone di reti, amicizie, rapporti, raccomandazioni, curriculum e promesse di lavoro. Abbiamo perso tutti perché oggi non siamo solo più poveri di 10 anni fa, ma siamo più miserabili e ci vendiamo a tutti, a tutto, per poco o a volte per nulla. Abbiamo perso perché chi vince sale sul podio e trionfa come avesse vinto una competizione sportiva, e non ha bene in mente che le elezioni sono solo il primo passo. Bandiere, spumanti, cori; eppure dovrebbero essere tristi. Ereditano amministrazioni al collasso, comuni dissestati, mafie locali, licenze, appalti, gare da controllare. Una politica sana trionferebbe e si proclamerebbe vincitrice con i fatti, alla fine. Ma loro gioiscono, oggi è il loro giorno, evidentemente più che il risultato finale danno retta a quello iniziale: una poltrona, la notorietà o poco più. Credono di aver vinto, invece hanno perso tutti. Anche tu.

ti è piaciuto? condividilo su

Truffe su Facebook ecco le più comuni e come evitarle.

Truffe su Facebook ? Vediamo quali sono le più comuni e come evitarle.

Le truffe su Facebook non rappresentano statisticamente un problema molto rilevante ma non è raro incappare in situazioni sgradevoli. Spesso dipende tutto dalle nostre impostazioni “privacy” o da troppa superficialità.

Partiamo con una premessa fondamentale: la rete non è mai sicura e tutto ciò che noi produciamo lascia una traccia. La semplice iscrizione a Facebook comporta l’indicazione di alcuni dati sensibili : sesso, luogo e data di nascita, oltre a nome e cognome. Dati con i quali per esempio è facile ottenere il codice fiscale. Vi sembra cosa da poco? Allora dopo l’iscrizione conviene rimuovere almeno il luogo di nascita.

Ma veniamo alle truffe su Facebook, almeno a quelle più diffuse.

SEXY CHAT. Non ti vogliamo smontare ma sappi che se sei incappato nella richiesta di amicizia di giovani, avvenenti e conturbanti ragazze, potresti non essere il più bello d’Italia ma semplicemente vittima di chatbot, programmi che generando profili falsi simulano delle conversazioni standardizzate. truffe su facebookSono belle, formose e sexy ma sono pericolose. Copia e incolla il loro nome su google e guarda cosa esce fuori potrebbe essere sufficiente questa accortezza. Oppure mettila alla prova con delle domande specifiche : “ti piace lo sport, quale pratichi, cantanti preferiti ?”. I bot solitamente sono configurati come  SIRI, cioè risposte standard a domande frequenti o parole riconoscibili, trailo in inganno. Se su google non hai riscontri negativi e se alle domande risponde in maniera logica bene, cosa aspetti, è il tuo giorno fortunato 😉

FALSE LOTTERIE. Profili falsi che dicono di conoscerti o che sostengono di rappresentare aziende, enti o associazioni e ti cercano di rassicurare sulla veridicità della vittoria di un premio. Ti chiederanno l’IBAN per accreditarti il premio, indirizzo mail oppure luogo e data di nascita. Non esiste alcun premio, stanne alla larga. Un’altra delle truffe su Facebook è la FALSA EREDITA’. Ti dicono di essere il cugino, cognato, nonno di un tuo parente (facilmente capibile se indichi su facebook la parentela o deducibile dalle tue foto), ti chiedono di fidarti e perché avete in comune degli amici (richiesta fatta qualche giorno prima e magari accettata) e in cambio ti chiedono “solo” codice fiscale e residenza per mandarti un documento con cui ti viene riconosciuta una ricca eredità. Occhio anche a falsi notai.

In tutti i casi per difendersi dalle truffe su Facebook valgono sempre queste accortezze:

Fai attenzione a

  • Persone che non conosci direttamente e richieste di denaro
  • Persone che chiedono di anticipare un importo
  • Persone che ti chiedono di comunicare al di fuori di Facebook (ad es. tramite un altro indirizzo e-mail)
  • Persone che affermano di essere un amico o un parente che si trova in una situazione di emergenza
  • Imprecisioni ortografiche e grammaticali

Infine ricordati di segnalare tutto a Facebook da questa pagina

ti è piaciuto? condividilo su

Segreti e funzioni di Instagram

Problemi di coppia causati da Instagram? Subisci commenti lesivi alla tua immagine? Ecco alcuni segreti e funzioni di Instagram che ti renderanno la vita più semplice.

Segreti e funzioni di Instagram che ti possono migliorare la vita, partendo dalla gestione della privacy al limitare le azioni altrui. Ecco qui alcuni utili suggerimenti per usare al meglio e in massima sicurezza Instagram. Tanto per cominciare recati nell’area impostazioni del tuo Instagram. La funzione è disponibile andando a cliccare, in basso a destra, la tua immagine profilo. Subito in alto a destra troverai la rotella delle impostazioni. Benvenuto.

Puoi decidere chi può vedere e rispondere alla tua storia. Basterà cliccare su 
“impostazioni della storia” e andando su “nascondi la storia a” ti si aprirà l’elenco dei tuoi follower a cui negare l’accesso alle tue storie.  Decidi chi potrà rispondere alle tue storie mettendo la spunta come in foto. Con la funzione “modifica profilo” ti sarà possibile cambiare la foto ed il nome del tuo profilo. Se invece vuoi rendere più difficile farti trovare ricordati di cambiare il nome account o ancora, potrai decidere se rendere il tuo account privato, mettendo semplicemente una spunta e solo dopo la tua accettazione potranno seguirti.

Puoi anche evitare di visualizzare gli annunci sui prodotti di Instagram mettendo una semplice spunta.

 

Se hai paura che qualcuno usi o guardi impropriamente il tuo Instagram pigia “modifica password” oppure attiva l’autenticazione a due fattori. Con questa opzione ti verrà inviato un codice alla mail con cui ti sei registrato e senza la quale ti sarà negato l’accesso. E ora veniamo ai tipici problemi di coppia. Un like di troppo, un commento sbagliato e ti ritrovi al tappeto. Un tempo eri single e riempivi di cuoricini le foto al mare e selfie piccantini? Ok, ora potrai andare nella pagina ” Post che ti piacciono” ed eliminarli prima che sia troppo tardi. Evita i commenti più spiacevoli, lesivi o pericolosi inserendo le parole da bloccare. Ultimo ma probabilmente più importante ricordati di pulire la cronologia delle tue ricerche.

LEGGI ANCHE “COME SPOPOLARE SU INSTAGRAM”

 

ti è piaciuto? condividilo su