Archivio delle categorie Web e social media management

Barcellona-Roma ed il risultato che rende lo sport ancora più virale

L’effetto virale sui social si scatena sui temi di grande diffusione, lo sport è uno di questi.

Barcellona-Roma la partita di martedì 24 novembre valida per la fase a gironi di Champions League era, come tutti gli eventi sportivi di portata continentale, uno dei topic sui social.

Il roboante risultato di 6 a 1 in favore della squadra di casa ha reso ancora più potente l’effetto virale,  propagatosi con molta ironia sulla rete.

viral porn hub virale barcellona roma virale totti virale

L’ironia, l’umorismo, sono un elemento per rendere virale un contenuto, che esso sia un post, una semplice foto, un video o qualsiasi altro documento. L’ironia riesce a suscitare un effetto gradevole che sollecita la condivisione e il consenso da parte degli utenti, anche dalla parte “lesa”.

Cosa rende virale un contenuto? Ecco qui 5 modi per rendere più virale il tuo sforzo online.

1- Umorismo– Il caso Barcellona Roma è sufficientemente esplicativo. Anche con i temi più difficili, vedi la situazione attuale del terrorismo dell’ISIS, l’uomirsmo è sempre gradito. Attenzione però a non sconfinare in sarcasmo macabro o in forzature che potrebbero tornarti contro.

2- Temi condivisi– Il calcio, un programma tv, una seria, un film, un evento, o una data condivisa (festività, giornata dedicata) sono sempre di dominio molto esteso, dire la propria su questi temi, in maniera coerente con il proprio brand, proporre una visione originale, svelare curiosità e informazioni specifiche, permette al tuo contenuto una più agevole diffusione virale.

3- Nostalgia e ricordi– Le generazioni vengono aggregate da un ricordo che dal passato emerge e si fa presente. Gli esempi di “classe ’70”, “generazione ’80”, “quelli nati negli anni ’90”, sono un evidente campo di applicazione. Sollecitare ricordi di un passato che manca appare essere una leva molto importante nei settori più disparati come la politica finendo al food, esempio supremo il grande successo di Algida con Winner Taco

winner-taco-virale

4- Diritti umani e civiltà – Mai forzare la mano, sono temi delicati ma di grande impatto. Usare coerenza e rispetto per diffondere valori condivisibili e possibilmente in continuità con un pensiero che si intende rendere di dominio pubblico.

5- Autenticità e originalità – Il copia ed incolla spesso viene penalizzato, la capacità di postare documenti autentici e originali premia sempre, nonostante sia difficile, provarci è doveroso.

Io ho trovato ottimo il post qui linkato, e tu hai consigli utili per rendere i contenuti virali? Benvenuto

 

ti è piaciuto? condividilo su

L’utilità sociale dei social media

Social media : c’è un motivo in più per attivarsi in iniziative di impatto sociale.

I social media hanno cambiato l’impatto sociale delle iniziative pubbliche e private,  Expo 2015 si avvia alla conclusione, la manifestazione internazionale ha avuto come tema “nutrire il pianeta”. Un tema di grande valore sociale, veicolato come mai prima sui social media. Tante le iniziative, la più importante è stata sicuramente la redazione della carta di Milano , un documento con il quale ci si propone di agire con nuove politiche mirate allo sviluppo sostenibile e alla diffusione di strategie mirate a “nutrire il pianeta”, appunto.

Ma tra il dire ed il fare c’è di mezzo il mare. Come al solito ciò che permette veramente di cambiare il mondo è la cittadinanza comune, l’iniziativa del singolo. Gesti piccoli, quasi insignificanti ma concreti.

Da qualche tempo a questa parte, una forma di comunicazione sociale è quella messa in atto dalle imprese che operano nel campo del food. Ristoranti, bar, alimentari, forni, sono impegnate  a diffondere una cultura volta ad evitare lo spreco in favore di banchetti sociali, dove acquistare a prezzi stracciati o addirittura regalare il cibo in avanzo per evitare di gettarlo.

Da questo punto di vista i social media sono un importante vetrina di comunicazione, con essi le singole iniziative diventano uno strumento di promozione di valori sociali e di diffusione di una cultura più responsabile. A volte per legge, come nel caso dei supermercati francesi, a volte per iniziativa di responsabilità sociale, assistiamo da qualche anno all’incremento di operazioni di grande impatto sociale, che assumono grande risonanza tramite i social media.

E’ così che in Spagna un ristorante offre il cibo in eccedenza, già pronto da portare via.

social media

Un’iniziativa che in Spagna è stata accolta nel migliore dei modi e che è valsa la diffusione virale del nome del ristorante. Iniziativa questa che si sta diffondendo in tutta Europa e in Italia, dove un forno del Salento mette a disposizione del pane per i più bisognosi .

social media

Sicuramente l’idea non schiva l’autopromozione ma davanti ad un’iniziativa sociale, con propositi così validi, certo non si può celebrare solo lo spirito pubblicitario dell’operazione che comunque appare evidente.

La comunicazione sociale d’impresa di fatto ha sempre la difficoltà di collocarsi in un limbo in cui la promozione di valori etici diventa un veicolo di promozione commerciale. I social media hanno permesso di ingigantirne la portata e di rendere un piccolo gesto, come quello di mettere a disposizione del cibo altrimenti da buttare, un’ azione virale e di grande impatto positivo per l’impresa.

Instagram, Facebook e Twitter vengono in questo caso utilizzate e in automatico rilanciate da utenti comuni come da testate locali e nazionali.

Non sono certamente le prime attività sociali e non saranno neanche le ultime ma sicuramente rappresentano ottime best practice da prendere ad esempio. A tal proposito un articolo della redazione di SkyTg24 raccoglieva alcune delle iniziative più rilevanti in un pezzo intitolato ” Cibo, quando il web aiuta a non sprecarlo “.

Ad essere critici ci si potrebbe chiede perchè anche senza i social quest’attività non sia spontanea e dovuta, ad essere ottimisti, invece,  meglio tardi che mai. In attesa che la carta di Milano, come tutte le iniziative governative, non aspettino campagne pubblicitarie o grandi eventi per parlarne ma dettino le linee guida, con regolamenti e leggi, per una gestione migliore del food e della sostenibilità nella produzione e nella diffusione degli alimenti.

ti è piaciuto? condividilo su

Social media management o cosa?

Social media management ? Attenti all’improvvisazione, scegli un professionista.

Il social media management cosa è e perchè distinguerlo dal concetto errato di social media marketing ? Il marketing è una materia molto complessa, nell’ultimo ventennio il suo concetto ha subito inflazionismi, abusi e storpiature. Quello che fu descritto da Kotler come un processo, appare sempre più associabile agli strumenti, ai contesti ed ai campi di applicazione.social media managementSpesso accade di sentire o vedere il termine marketing associato ad un prefisso o suffisso che si correla al settore o allo strumento che si utilizza. Nascono dunque le declinazioni più svariate, tra cui: ambush, buzz, direct, guerrilla, non convenzionale, tribal, virale, urban, neuro e geomarketing. Altre sono le varietà di marketing associate al settore, dove quindi, tra le tante, si rintracceranno le voci di marketing: immobiliare, fieristico, legale, turistico, territoriale ed enogastronomico. 

La parola marketing, deriva dall’inglese market (mercato) e la “ing-form” indica l’azione di “fare mercato”. Dalle numerose definizioni dell’AMA (american marketing association) nel 1985 si legge « Una funzione organizzativa ed un insieme di processi volti a creare, comunicare e trasmettere valore ai clienti, ed a gestire i rapporti con essi in modo che diano benefici all’impresa ed ai suoi portatori di interesse. »     social media management

L’evoluzione più significativa di tale definizione arriva nel 2013: “Il Marketing è l’attività, insieme di istituzioni e processi per creare, comunicare, offrire e scambiare le offerte che hanno valore per i clienti, partner e la società in generale”. social media managementLo stesso Kotler ha più volte sostenuto che si può parlare di marketing se c’è “l’individuazione e soddisfacimento dei bisogni umani e sociali”, definendolo in modo più completo come: “processo sociale attraverso il quale gli individui e i gruppi ottengono ciò di cui hanno bisogno attraverso la creazione, l’offerta e lo scambio di prodotti, di servizi e di valori.”Appare dunque legittimo sostenere che il marketing sia un processo. Questo processo si compone di una parte strategica ed una operativa. Queste due parti vedono svilupparsi nelle fasi di:

  • Analisi
  • Strategie e pianificazione
  • Operatività
  • Modifiche o implementazione
  • Monitoring

E’ necessario creare una linea di demarcazione tra il marketing e i presunti marketing. social media managementIl social media management non può essere definito tale se non risponde a quella complessità di scenario a cui il marketing risponde. I social media sono uno strumento di marketing, un’operatività delle attività di comunicazione e senza un piano di analisi, obiettivi chiari, individuazione di target e strategia restano tali. Ancora meno appropriato è l’uso del termine “facebook marketing”, concetto che riduce la complessità del marketing ad una mera funzione di advertising tramite un unico strumento social. Ben altre considerazioni possono essere fatte sulle applicazioni ed i settori. Fermo restando che non esiste marketing senza strategia,web marketing come marketing territoriale, sono concetti che facilitano l’individuazione del campo di applicazione e pertanto accettabili.

E’ più opportuno ritenere adeguate in assenza delle componenti che costituiscono il marketing, definizioni quali “social media management” piuttosto che promuoversi strateghi della comunicazione, geni del marketing al confine tra un nerd o uno smanettone tanto social quantoimprovvisato, vendendo attività di inesistenti “facebook marketing” o “instagram marketing”. La riprova di tale approssimazione è la sufficienza con cui profili di aziende, tanto quanto di celebrità e politici siano utilizzati senza alcun criterio di marketing dando a questi strumenti l’unica funzione possibile in tal senso: estemporanea visibilità dannosa.

ti è piaciuto? condividilo su

Engagement con i social network: quali contenuti aiutano ad ottenerlo.

Engagement, una vera e propria parola d’ordine per tutti gli operatori della comunicazione. Che sia per un sito personale o per un blog aziendale, la comunicazione 2.0 corre sui binari del dialogo, per ottenere e concretizzare percorsi partecipativi con i propri interlocutori, costruire un rapporto saldo e duraturo. Usare i social significa di fatto tenere in considerazione l’obbiettivo principale: l’ engagement.socialmediamarketing

Engagement , a dirlo ci vuole poco, a concretizzarlo ci vuole molto più di un semplice sforzo. Professionalità, costanza, qualità e predisposizione al 2.0 sono la base per intraprendere questo percorso.

Analizzando i post con maggiore ritorno in termini di engagement ho notato con grande interesse che alcuni hanno maggiore seguito di altri. L’analisi è nata dall’obbiettivo di riconoscere quali siano le azioni di social media posting più valide. Ecco qui di seguito 5 modi per rendere il proprio post più performante rispetto al lungo e tortuoso percorso verso l’engagement.

FOTO. In un web sempre più saturo di informazioni scritte, l’occhio, che sul display si affatica molto più che su un supporto cartaceo, sarà piacevolmente coinvolto dalle immagini. E’ consigliabile qualità, piacevolezza e attinenza/coerenza massima a temi e valori.

social media

DOMANDE. Coinvolgere spesso è una vera impresa. Proporre delle domande (su temi che suscitano interesse tra i propri follower) può essere un buon modo per creare i presupposti di dialogo.

Engagement

CONTEST.  Prevede un sforzo organizzativo maggiore ma la sua riuscita permette di raggiungere grandi obbiettivi. Alcuni contest possono essere occasione per raggiungere più scopi. Che sia fotografico, o che si richieda una vera e propria collaborazione a costruire qualcosa per il brand questo dipende dal montepremi in ballo e dalla capacità attrattiva di chi promuove il contest.

ENIGMA. Giocare è sempre un buon metodo, la leggerezza è sempre gradita. Frasi da completare, domande a cui rispondere e indovinelli sono una mossa astuta e ha il potenziale di creare una partecipazione attiva e divertita, in alcuni casi anche virale.

thedress

social network

CONSIGLI. Suggerimenti e news specifiche sono visti come un occhio di riguardo e ciò farà sempre piacere a chi si sente considerato. Molto efficaci ad esempio quelli proposti da Barilla o altri marchi del food & beverage che supportano i propri consumatori con tutorial, ricette, corsi on line e suggerimenti per fare bella figura ai fornelli.

ti è piaciuto? condividilo su
Pagina