Archivio dei tag Lecce

Come riconoscere un vero esperto di marketing.

Riconoscere un vero esperto di marketing è sempre più difficile, ecco alcuni suggerimenti per stare alla larga dai cialtroni.

Come riconoscere un vero esperto di marketing prima di affidargli un lavoro? Va da sé che “tuo cugino fa siti” e “mio nipote è bravo coi disegni”, ecco 5 caratteristiche che ti permettono di distinguere un vero marketer da un ciarlatano.

  1. Un esperto di marketing non lavora con un sito, o con facebook. Saprà farti comprendere che quelli sono semplici strumenti, e prima di qualsiasi azione analizzerà, studierà e considererà quali sono: obiettivi, risorse, tempi e di conseguenza, e solo dopo, scegliere gli strumenti necessari per perseguire la strada giusta. Se accetterà di eseguire lavori con strumenti indicati può essere un tecnico del web, grafico, ma non un vero consulente di marketing. Provate voi ad andare da un medico e dire con quale strumento vi deve operare.
  2. I ciarlatani ti inseguono, i professionisti ti seguono.
  3. Un esperto di marketing sa che senza strategia può subentrare la fortuna, la capacità economica o altre variabili più o meno impazzite. Senza una buona strategia, se non siete né ricchi né fortunati, non andrete lontano, e questo un professionista serio e corretto ve lo ripeterà mille volte.
  4. Marketing è il termine più inflazionato con il quale si tende ad identificare un aspetto della comunicazione che mira a rendere migliore tutto ciò che in realtà non vale quanto mostra. Niente di più sbagliato. Il marketing è l’insieme di discipline che, dall’economica alla psicologia, tiene presente tutte le condizioni che permettono un migliore e più proficuo punto di incontro tra domanda e offerta. E se questo non è possibile, in fase d’analisi, il buon professionista consiglia di lasciar stare, i ciarlatani ti diranno “con un buon sito spiccherai il volo” e si ostineranno a spremerti. Non accorgertene tardi.
  5. “Tanto che ci vuole?”. Per un ciarlatano non ci vuole niente, per un vero esperto di marketing ci sono voluti anni di università, corsi di formazione, workshop, seminari, master e continui aggiornamenti.

Cerchi un esperto di marketing? Prendiamoci un caffè

Segui tutti gli aggiornamenti dal mondo del marketing, del web e dei social sulla nostra pagina Facebook.
ti è piaciuto? condividilo su

Agenzia di marketing e comunicazione a Lecce.

Se stai cercando un’agenzia di marketing e comunicazione a Lecce sei nel posto giusto.

Studio Siculella è un’agenzia di marketing e comunicazione a Lecce che da anni è impegnata nell’analizzare mercati e contesti, progettare strategie su misura e realizzare dei piani operativi di marketing e comunicazione senza tralasciare l’analisi dei dati e la misurabilità delle azioni.

Come agenzia di marketing e comunicazione sviluppiamo le nostre capacità nel settore del turismo, della politica e delle piccole medie imprese. A dispetto di tante agenzie, mettiamo le competenze specifiche, la formazione settoriale e titoli di studio, a raccontare chi siamo, cosa facciamo e come. Non improvvisati insomma, ma professionisti del settore che mantengono prezzi bassi per progetti di qualità, in virtù dell’unico risultato che conta: il successo della tua attività. Diffidate quindi da un’agenzia di marketing e comunicazione che propone un sito, una locandina, un evento senza avervi asfissiato di domande, analizzato il mercato, approfondito sulla vostra attività.

agenzia di marketing e comunicazione a Lecce

Un sito, come una locandina, rappresenta un mezzo, uno strumento. A gestire quel mezzo, a muoverlo, ci deve essere una mente, una strategia che in base a: tempi, obiettivi, risorse e mercato, riesca ad avere un impatto positivo in termini previsti e prevedibili, misurabili e non solo auspicabili.

Studio Siculella, agenzia di marketing e comunicazione a Lecce ha sede in via Serafino Elmo ma opera in tutta Italia, in particolar modo a Roma. Il segreto della nostra continua crescita sta nella gestione del tempo e delle risorse. Dinamici, flessibili ma settoriali e specificatamente competenti in ciò che facciamo, riusciamo a fornire strumenti performanti per la tua attività perché pensati e non solo sviluppati.

Se cercate un’agenzia di marketing e comunicazione avete trovato ciò che fa per voi.

CONTATTACI QUI, LA CONSULENZA STRATEGICA E’ GRATUITA.

Solo dopo, se lo riterrete opportuno, vi proporremo un piano dettagliato con costi, tempistica, strumenti, risorse operative e finalità in coerenza con i vostri obiettivi e le vostre disponibilità.

Segui la nostra pagina Facebook e tienti aggiornato su tutte le novità.

ti è piaciuto? condividilo su

Salento che tonfo.

Arriva come ogni anno la classifica stilata dal “Sole 24 ore” su “Qualità della vita, la vivibilità delle province in Italia”. Un documento dal valore statistico rilevante, sia per l’autorevolezza della fonte che per la storia ormai più che venticinquennale della classifica. Con questo report arriva anche la conferma di quanto sostenuto più volte in questa sede: il Salento dopo un periodo di discreta ascesa è stato accecato da illusionistiche concezioni di crescita economica, basata su un turismo che tutto è fuorché turismo.  Non lo è perché non remunerativo, ne sostenibile. Non è un turismo ottimizzato, destagionalizzato, internazionale, specializzato. Soprattutto non è un turismo nella sua definizione di mercato labour intensive, ovvero in grado di produrre un notevole numero di posti di lavoro in un indotto che può estendersi a moltissimi settori. Continuare a sostenere ed illudersi che il turismo nel Salento possa essere accostato ad un Samsara (RIP) pieno e festoso, ad un prive a colpi di champagne, è un’illusione ottica. Non chiamatelo turismo, non fatelo mai più. Qui c’è in gioco il destino di un territorio martoriato da criminalità, abusivismo, corruzione. Degrado ambientale, disoccupazione galoppante, lavoro sommerso. Un territorio in cui si accerta la più alta incidenza di tumore ai polmoni in rapporto alla popolazione.Malissimo per lavoro, servizi, ambiente, ricchezza, consumi e innovazione, meglio in cultura e tempo libero, discretamente in giustizia e sicurezza. Insomma, il fattore turismo, nonostante il tanto osannato e protetto boom, non è sufficiente a mantenere standard di qualità della vita ottimali.  Ben dodici posizioni perse in classifica e la vivibilità della provincia di Lecce scivola così al sestultimo posto. ” La riflessione presente nell’articolo “Salento, dall’alba al tramonto di un fenomeno” anche se indigesta a quei pochi che giovano di questo caos chiamato turismo, si afferma nella sua netta lucidità d’analisi. E’ ora di domandarsi quale turismo e se è sufficiente affidarsi solo a questo settore per la rinascita di un’area depressa.

ti è piaciuto? condividilo su