Archivio degli autori Alberto Siculella

25 Aprile, settanta anni di storia mai imparata.

#70anni dalla #liberazione e non accorgersene.

Correva l’anno 1919, era un’Italia distrutta dalla prima guerra mondiale. Un’Italia che contava 650 mila morti e più di 1 milione tra feriti gravi e mutilati. Macerie, tante.  E’ in questo contesto che si affacciavano sulla scena politica i nomi che cambiarono la storia del nostro Paese; c’era un giovanissimo Benito Mussolini. C’era però una legge elettorale, per la prima volta proporzionale, con la quale gli italiani dettero una batosta impressionante a Mussolini, il quale, in seguito proprio a questo colpo basso, pensò di lasciare la carriera politica appena intrapresa.

Ma la classe politica eletta continuò a denigrare le opposizioni, rimanendo convinta che l’economia post guerra sarebbe decollata nel giro di qualche anno. Ne passò di tempo e la situazione economica rimase disastrosa, la popolazione era stanca, depressa, stremata. La criminalità organizzata iniziò ad assumere connotati governativi in alcune zone del sud. Saccheggi, stupri, e devastazioni Piemontesi, in nome della tanto apprezzata unità d’Italia, ridussero in miseria l’allora zona più fertile e ricca d’Italia, solo 50 anni prima. Le criminalità locali iniziavano ad avere il sopravvento su uno Stato assente, distrutto, e iniziarono a crearsi delle vere e proprie gestioni di potere parallele, nate dalle macerie, dalla miseria e dal disorientamento.

Paradossalmente queste forme di potere parallelo garantivano la sicurezza minima, la gestione proficua degli affari locali e la distribuzione di reddito derivante da lavori in favore degli stati più alti delle organizzazioni mafiose. Per gestire l’ordine pubblico e aumentare la presenza sul territorio, il fascismo usò abilmente i camorristi al fine di controllare la delinquenza comune in cambio di cariche e posizioni di garanzia. Proprio a Napoli si tenne un congresso di 40mila camicie nere che inneggiarono alla marcia su Roma.

Vittorio Emanule III per evitare un ulteriore bagno di sangue vietò l’intervento di contrasto all’eventuale colpo di Stato, favorendo di fatto la scalata al potere di Mussolini che a soli 39 anni fu incaricato di creare la nuova squadra di Governo.

Così come con la camorra, il partito fascista avvicinò a se influenti capi clan di cosa nostra. La commistione tra potere e mafia era definitiva, in virtù di una situazione grave e da molti punti di vista irrecuperabile, l’efficienza imprenditoriale delle mafie era vista come unica opportunità di sviluppo immediato dell’economia e così lo Stato si fece mafia e la mafia si fece Stato. Ad eccezione di qualche abile mossa politica ed una dose massiccia di propaganda, il duce non riuscì comunque a ridare all’Italia una situazione economica degna delle aspettative, a tal punto da dirottare le attenzioni del Governo su politiche forti (e scellerate) che portò il nostro Paese negli anni ’30 a vedere una messa appunto di piani di bonifiche e opere pubbliche (che sul fronte interno aumentò la forza del duce) e che facilitò l’accettazione dei piani tragici di politica estera.

Tanta storia non può certo essere riassunta in un post, ne tanto meno i dettagli possono essere solo vagamente immaginati. Una cosa è certa, l’Italia, sulle macerie di una guerra, scivolò in un massacro. Sulla scia della miseria e del disorientamento, abili manovratori unirono le forze marce del Paese che vennero viste, da un popolo in ginocchio, come ultima possibilità. Particolare attenzione merita anche la legge elettorale. Di fatto Mussolini fu bocciato dalla stragrande maggioranza degli italiani, e solo dopo il colpo di Stato, in vista delle elezioni del 6 aprile 1924, venne approvata una nuova legge elettorale, la legge Acerbo. Con questa legge si inseriva un premio di maggioranza che dava 2/3 dei seggi a chi otteneva più del 25% dei voti: “per garantire la governabilità”, si diceva. In nome di una “governabilità” il Paese fu consegnato ad una commistione di mafia e potere grezzo, ignorante, di cui ancora oggi paghiamo conseguenze.

La festa del 25 aprile è quindi un’occasione per fermarci a riflettere. Se c’è un’azione che elevò il nostro Paese a democrazia fu la Costituzione, anche essa compirà 70 anni il 22 dicembre del 2017. Essa rappresenta il vero e proprio DNA, l’ossatura di uno Stato che si fonda sul lavoro e tutela rappresentanza politica, pace e pari dignità per ogni sesso, razza, religione. In barba a tutto ciò, l’attuale Parlamento, che mette mano alle riforme costituzionali, è un parlamento illegittimo, nato e cresciuto in una crisi che ha prodotto, in 5 anni, 5 milioni di disoccupati e una perdita in termini di ricchezza pari al 9% del PIL pari a circa 140 miliardi di euro (stessa percentuale-con stime ovviamente diverse- venne persa durante la seconda guerra mondiale). Come in quel lontano 1919 siamo tra le macerie, macerie diverse, perchè contesti diversi. Non si è combattuta una guerra con le armi (ed in qualche caso anche) ma con i numeri, con i poteri occulti, le lobby e le multinazionali. Come in quel lontano periodo: corruzione, mafia, e parte marcia della società, hanno avuto modo di garantire il loro apporto in cambio di rappresentanza, bandi, affari, opere pubbliche. Come in quel periodo a Roma c’era l’esposizione universale, oggi a Milano c’è l’Expo. Come in quel periodaccio qualcuno, non eletto, cerca di cambiare le regole del gioco, forte di un consenso popolare mai espresso, figlio di pigrizia, miseria economica e culturale, cavalcata dal “non c’è alternativa”,e  con una legge, come quella Acerbi, vuole assegnare un netto premio di maggioranza, dando al Paese un Parlamento di nominati e non di eletti, come in quel famoso 1924.

Allora auguri a tutti gli italiani, a quelli che hanno la possibilità di scrivere un post, di condividere un file, di dire la propria opinione. Auguri a tutti quelli che riconoscono nella libertà la più ampia e difficile opportunità di democrazia, ed in essa credono, non per questo cedendo al ricatto di mafie, poteri marci e corruzione. Uno Stato corrotto non sarà mai libero. La libertà non conosce compromessi.

ti è piaciuto? condividilo su

#Regionali2015 buon voto e che perda il peggiore.

Domenica 31 maggio 23 milioni di italiani chiamati al voto, ma il ponte alimenterà l’astensionismo.

Questa volta nessuno si è sbilanciato. L’ultima volta era in occasione delle elezioni europee. I sondaggi davano un testa a testa tra PD e Movimento 5 Stelle, 28% il primo, 25% il secondo, si diceva.

Sappiamo come andò a finire: il M5S passò il post elezioni ad ingurgitare Malox e a maledire scelte strategiche sbagliate, come l’effetto bandwagon cercato con il #vinciamonoi , che ovviamente si rivelò un boomerang. La Lega si mostrò nettamente in crescita rispetto ad un’ormai collassata Forza Italia. Il PD, trascinato dall’effetto 80 euro e dal clima luna di miele di Renzi, dominò la sfida che seppe mettere sul piano di un derby “rabbia contro speranza” e se loro erano la speranza, qualcuno indossò (altro errore clamoroso) la maglia della rabbia.

Questa volta le cose sono leggermente cambiate. Intanto il Movimento ha rivisto la sua strategia (mai troppo tardi) e la TV viene vista come strumento da saper utilizzare per comunicare con un target ancora troppo lontano. La Lega ha avuto vita facile. Una pressione media di 3 ore al giorno in TV di Matteo Salvini e l’allestimento ad hoc del ring (temi unici che Salvini può e sa trattare: immigrazione, pensioni, anti-renzismo-europeismo) lo ha avvantaggiato e produrrà sicuramente un effetto escalation nelle urne.

Berlusconi è resuscitato giusto in tempo per fallire insieme al suo partito. Probabilmente FI riprenderà qualche voto con il candidato di spicco Toti e poco più, ma l’immagine più sintomatica è quella dellacaduta dal palco di nonno Silvio

Ma quali saranno i fattori critici di successo per queste elezioni?

Il PD in difficoltà con l’elettorato di sinistra si rifugia in alleanze con il centro e parla un linguaggio generalista, di quelli che come la metti può andar bene a tutti (se chiami una legge ” la buona scuola ” come si fa a dire che è cattiva?). Il tema è sempre uno solo: #cambiamento , ma nessuno si è chiesto se coincida con miglioramento.renziRenzi è in calo di consensi, il suo Partito però terrà colpo. Nomi già conosciuti (purtroppo anche dalla giustizia) impresentabili, una comunicazione molto professionale, studiata e mirata sui singoli territori, rappresentano la garanzia di una buona prestazione.       La Lega salirà nei consensi,  merito della ripetitiva omelia salviniana e del servilismo becero e mascherato di molti giornalisti. Pochi argomenti ma sentiti dal popolo, quel popolo tra i 60 e i 75 anni, che segue Studio Aperto e per il 70% ha una licenza media/elementare (Dati raccolti qui). Il M5S ha spolverato con sempre più frequenza i suoi elementi più televisivi e lo ha fatto con grande successo, come nel caso di Di Maio . Rimane un grande problema. Il Movimento ha ancora un gap con i partiti tradizionali sul target over 55, anche se la TV sta aiutando ad accorciare le distanze. Lo stesso problema lo ha con il suo core target, i giovani dai 18 ai 35 anni, è proprio in questa fascia infatti che l’astensionismo risulta avere dei picchi impressionanti.

Quindi chi vincerà? Tutti, o almeno così soterranno.

Vincerà la Lega che prenderà i dati sulla crescita percentuale. Vincerà il PD che manterrà un buon consenso e si aggiudicherà metà o più delle Regioni. Vincerà il Movimento che partendo da zero in tutte le Regioni potrà esultare per aver inserito i suoi candidati nelle assemblee. Vincerà Forza Italia che sosterrà “ci davano per morti” invece sono solo in coma.

In realtà perderanno tutti, perderà l’Italia. Perderanno gli elettori che con hanno ricevuto 50 euro per un voto, o una promessa di lavoroSalvini. Perderà l’Italia che avrà ancora una volta l’astensionismo superiore al 40%. Perderanno tutti quegli italiani che aspettano che la commissione antimafia faccia un’operazione di facciata, elencando i nomi degli impresentabili, come se cambiasse qualcosa a 24 ore dal voto; il problema non è avere una lista di impresentabili ma avere degli impresentabili in lista. Perderanno tutti quelli che volevano le liste pulite ed invece si trovano una marea di indagati, condannati, prescritti e via dicendo. Perderanno tutti quelli che razzolano bene e parlano male, quelli che se Saviano parla di Mafia quando il centro destra è al Governo è un mito ma se parla di De Luca e del PD in Campania non lo si vede più neanche per 30″ su teleondaegabbiani. Perderemo tutti, perchè votare per qualcuno che nel 2015 indossa felpe per promuoversi in 2/3 dei territori che ha sempre definito “terronia” è una sconfitta per l’onestà intellettuale di tutti noi.

Buon voto e che perda il peggiore.

ti è piaciuto? condividilo su

Web politica ecco gli #EpicFail , 5 indicazioni per riparare ai danni.

Web politica e comunicazione elettorale on line, quando la gaffe diventa epic fail.

Nella  web politica ogni errore si paga caro. Una battuta fuori luogo, un gestaccio, un comportamento sopra le righe, può comportare un notevole disagio, specie se ci si limita a far scendere il silenzio senza porre rimedio.

Sovente assistiamo ad #EpicFail che si palesano su internet dove, se mai ce ne fosse bisogno di ricordarlo, nulla si cancella e tutto appare indelebile, quando, anche a distanza di tempo, c’è qualcuno pronto a farcela pagare. Nel libro Epic Fail, due anni di disastri social  di Valentina Spotti vengono raccolti alcuni casi che possono far riflettere ma soprattutto fanno scuola nel campo politico e ci consegnano  modi in cui è preferibile non agire.

web politica

L’ultimo #EpicFail in ordine di tempo è quello dello staff di Beppe Grillo non nuovo all’approssimazione e all’improvvisazione. Il tweet che sembra mettere sullo stesso piano topi, spazzatura e clandestini viene (poco) prontamente modificato.

web politica

Il risultato è ovvio. Postare e poi modificare/cancellare è come sparare e cercare di fermare il proiettile.

Allora quando si svolgono attività di web politica è meglio tenere a mente delle indicazioni opportune:

  1. Pensaci bene e rileggi 10 volte prima di postare
  2. Una volta commesso l’errore cancellare non serve a nulla. La modifica va bene ma non senza pubblicare ufficiali scuse per errore (spiegandone una buona ragione).
  3. Utilizzare un #EpicFail con intelligenza ti può portare ad un #EpicWin , ragiona sul come rendere utile il disastro che hai combinato
  4. Se si tratta di valori, emozioni, credenze, spiega la tua posizione in una nota ufficiale
  5. Assumiti la responsabilità. “Colpa dello stagista”, “hanno frainteso”, “il non sono stato io” non funzionano.

A tutti capita di sbagliare ma perseverare…

Il Movimento 5 Stelle ha già fatto grandi passi in avanti (credo con un anno di ritardo circa, basti leggere le indicazioni che riportavo nel novembre 2014 e nei miei post dell’anno scorso ) ma ancora tanti ne deve fare.

Capita a tutti dicevo, anche ai maestri del tweet, supportati da staff di esperti della web politica

web politica

Qui non si tratta di un vero e proprio epic fail quanto di un estremismo comunicativo. Il tentativo di perfezionismo porta ad usare il plurale di un inglesismo in una forma scorretta. A tal proposito unarticolo divertente quanto interessante ci mostra come dovremmo in questo caso utilizzare il plurale quando parliamo di bar-s- , per esempio.

Un estremismo che passa dall’ossessiva ricerca di perseguire lo storytelling intrapreso.  Parlare de#LaVoltaBuona e dell’ #Expo2015 , incantato da una “bella l’Italia che vince le sfide” in un contesto di malaffare, corruzione, indagini e problemi cronici con l’immigrazione, stride, ed a volte, il troppo stroppia.

ti è piaciuto? condividilo su

Strategia politica: “no, i giorni dell’arcobaleno”.

Strategia politica: da #LoveWins a #Greferendum , quando un no significa si.

Avere una strategia politica vuol dire tanto, spesso tutto. La politica è strategia in tutte le sue sfumature. Diamo uno sguardo ad un caso eclatante di strategia politica, di come questa possa incidere sulle nostre vite, come possano orientare le nostre scelte e le nostre convinzioni. In questi giorni i nostri profili Facebook si sono riempiti di colore, foto modificate con una app che rende i nostri volti colorati, arcobaleno.

E’ un trionfo del “no”, quello cassato in America che sanciva la legittimità delle coppie gay desiderose di matrimonio. Negli stessi giorni Tsipras negoziava con l’Europa. Si scrive negoziato, si legge ricatto.  A questo ricatto il buon Alexis ha provato a rispondere con un contro-ricatto. Non accettate le nostre condizioni? Allora faremo decidere ai greci. Sarà quindi il Paese, lo stesso dove la democrazia è nata, a decidere del proprio destino. Sembra assurdo ma la cosa più ovvia, la più democratica, cioè il parere dei cittadini, oggi va celebrata come un successo: il popolo torna sovrano. Appare dunque evidente l’influenza di una strategia politica a monte di tutte le attività di comunicazione.

Ma chi è il popolo? Di questi tempi si usa definirlo “popolino”: invecchiato, impoverito, impigrito, spaventato, sabotato e spesso incolto. Un popolo che subirà le pressioni dei grandi opinion maker e che verrà pressato dalle grandi corporazioni, lobby e strutture di potere che eserciteranno una propaganda filo europeista e ne è un’azione tipica quella che il FMI ha applicato per sabotare il turismo in Grecia (circa 1/5 del PIL). Una propaganda che tutti i poteri forti giocano senza vergogna, basti pensare ai servizi trasmessi dalla Rai dove “migliaia di europeisti in piazza per dire SI” in realtà erano a favore del “OXI” (NO).

strategia politica

Propaganda che è stata incentrata sulla paura, sull’incertezza del proprio destino, sul tema ” l’unione fa la forza e soli non possiamo stare “.  Strategia politica, appunto. Per dare retta a questa tesi sarà sufficiente esprimere il proprio “si” la cui formula appare per logicità un’affermazione. Il diritto di non cedere ai ricatti (si dice siano riforme) di un’ Europa (economicamente parlando) che ha trattenuto ricchezze e distribuito regole standard per Paesi completamente diversi, passa attraverso il “no”, associato logicamente ad una negazione, una contrarietà, un’opposizione.

Come per il referendum su nucleare e acqua pubblica, anche  questa volta un no vale un si.

 

 

 

Come fare allora ad associare al “NO” un concetto positivo ?

Questione di strategia politica e non solo,  associare un negazione all’emisfero positivo è missione ardua ma non impossibile, qualche consiglio potrebbe tornare utile:

  1. Associare al NO un’idea positiva, colori, emozioni, suggestioni del passato o visioni di un migliore presente/futuro.
  2. Preferire comunque la forma affermativa evitando la doppia negazione : “vota NO per dire NO ai sacrifici imposti dall’Europa…”, può lasciare il posto ad un preferibile “vota NO per dire SI alla sovranità Greca…”
  3. Se il proprio avversario si muove sul piano della paura, del terrore psicologico, del terrorismo mediatico, non giocare sulla difensiva, ma lascia il campo e gioca su un altro piano, esprimi toni positivi e orizzonti pacifici, ponderati e costruttivi.
strategia politica

Sbagliatissima applicazione. Giocare sullo stesso piano (paura per paura) non fa altro che aumentare la sensazione di spavento, in questo caso vincerebbe solo chi spaventa di più. Non c’è dubbio, l’Europa. Nel cartello il comitato OXI (NO) associa il voto al “nemico unico”, la Germania.

  1. Sui social è importante lanciare hashtag, post, foto, video, che esaltano un valore positivo della scelta da compiere e non quello negativo della scelta da non compiere.

Non è affatto semplice trasformare un “no” in un’idea positiva ma si può fare. A tal proposito qualcuno di voi ha già visto il film “NO, i giorni dell’arcobaleno” ? La visione è fortemente consigliata, a buon rendere.strategia politica

 

ti è piaciuto? condividilo su

#Grecia la pesantezza della scelta, la leggerezza di un NO. Le più belle immagini proposte dalla rete.

Il meglio deve ancora venire, almeno dalla rete. I social, dopo l’ “OXI” della Grecia alle misure imposte dall’Europa, accolgono con la solita geniale irriverenza il risultato.

Impazza intanto #ideeperlagrecia , un pullulare di soluzioni piuttosto divertenti.

varoufakis grexit1 grexit grecia 2-oxi

 

ti è piaciuto? condividilo su
Pagina