Archivio annuale 2019

Il problema non è il capo, ma il campo politico.

Le elezioni europee, insieme alle amministrative, ci hanno restituito uno scenario nitido: la Lega Nord aumenta il suo consenso, in un’ottica anti europeista. Il PD risale la china, grazie anche alla lista unica.

La premessa deve essere chiara: le competizioni elettorali seguono binari differenti e non possono essere ne comparabili, ne sovrapponibili. Nel tempo della società liquida, lo è anche l’elettorato, che può trovarsi nelle condizioni di votare alle politiche per il Movimento, alle amministrative per il PD, e alle europee per la Lega Nord. Non c’è nulla di male, non c’è nulla di sbagliato, perché è proprio ciò che capita ogni giorno, nelle nostre scelte quotidiane, nel nostro carrello della spesa.

Su questo stesso blog, già nel 2012 e nel 2013 anticipai ciò che sarebbe accaduto al Movimento 5 Stelle. Il nome di Beppe che scompariva dalla bandiera, conseguentemente al suo defilarsi per lasciare spazio ad un capo politico. Anticipai che per vincere bisognava dichiarare la lista di uomini e donne e renderli visibili e consolidarne la notorietà, costituendo nel tempo una solida reputazione. Anticipai anche il rischio cannibalizzazione dell’elettorato da parte della Lega Nord, spiegandone i motivi, che puntualmente si sono realizzati.


Anticipai che il Movimento, nella sua naturale evoluzione, si sarebbe dovuto strutturare e trovare un punto di equilibrio. Sebbene tutto ciò, e tanto altro, è accaduto, nel frattempo tra sconfitte ed eclatanti vittorie, nessuno si è accorto che le ultime tendenze sono date proprio da quest’ultima mancanza. Ovvero la formalizzazione di ruoli e processi che determinano un’organigramma, orizzontale e fedele ai principi del Movimento, ma che distribuisca non solo i compiti ma anche le responsabilità nelle varie fasi e sui vari livelli.

“I partiti proveranno ad assomigliare sempre più al Movimento, e questo farà apparire (all’opinione pubblica) il Movimento come un partito”; lo dissi e lo scrissi in un libro 4 anni fa. Un’operazione di riposizionamento che Salvini ha saputo da subito intraprendere e che ora sta portando i suoi frutti. Lo fa anche il PD che promuove forme di “attivismo” e di partecipazione diffusa, “dal basso”. Il web e i social, strumenti fondanti dell’azione a cinque stelle, ora sono terreno fertile per gruppi ricchi di risorse professionali e soprattutto economiche. Insomma il tradizionale volta verso l’innovativo, e ciò che era innovativo, se non strutturato, rischia di apparire tradizionale.

E’ necessario perciò che il Movimento, ad ogni scossone, reagisca con maturità e serietà, senza agitazione, ma con determinazione nel ritagliarsi il posizionamento che gli compete, rafforzando le scelte politiche di cui deve mantenere maggiore coerenza possibile. Nel contempo, presidiare il proprio campo, strutturando una strategia complessiva di uomini e mezzi che siano in grado di rispondere con maggiore rapidità agli stimoli provenienti da eventi interni, esterni e competizioni.

Non è una questione di “capo politico”, che per il Movimento è una contraddizioni in termini, ma di campo politico. E’ arrivato il momento di non discutere più del Movimento come una realtà alle prime armi, ormai è una forza di Governo, una certezza per tanti elettori, un dubbio per altri, il male (ed è bene così) per pochi.

Non si tratta di dare fiducia a Luigi Di Maio o meno, ma di iniziare a creare una struttura diffusa, in cui più persone, assumano differenti responsabilità e rendano più snella, funzionale, policentrica una struttura troppo rigida per essere nata e cresciuta nella rete.

A veder bene, non si tratta di una evoluzione, ma di un ritorno all’antico, cioè riappropriarsi del proprio posizionamento, con l’idea ben chiara in testa, di non essere più un Movimento per gli attivisti, ma un patrimonio di tutti gli italiani.

ti è piaciuto? condividilo su

Instapolitica

Instagram funziona in politica?

A quanto pare l’ascesa di Instagram, le varie novità introdotte dal social acquisito dal gruppo Facebook, non hanno lasciato indifferenti i politici o i loro consulenti. Sempre più disinibiti e disintermediati, politici di tutte le provenienze, età, sesso, sono pronti a dare un’immagine diretta e più social di se stessi.

In America, abbiamo assistito all’incredibile scalata ai piani alti della politica di Alexandria Ocasio-Cortez, la deputata più giovane mai eletta nel congresso, nel distretto di New York. La sua immagine, in forte coerenza con la sua età, lo stile di vita, si è adattata perfettamente ad uno standard comunicativo dato da dirette, immagini salienti, storie. Instagram ha realmente costruito il brand della Cortez.

Non è oro tutto ciò che luccica. Come in ogni fase analitica di marketing, anche quella politico, si deve misurare con la scelta di strumenti, messaggi, risorse da utilizzare. Deve perseguire una coerenza con il personaggio, il posizionamento presso il proprio elettorato, e ambire a creare suggestioni rispetto al proprio programma e le proprie idee.

Instagram è infatti uno strumento fortemente under 40, con la massima soglia di penetrazione nel target sotto i 30 anni. Prima di intraprendere la gestione di questo strumento perciò serve comprendere che si andrà a comunicare ad un target giovanile, interessato ad alcune tematiche inerenti alla propria anagrafica. Il linguaggio, il perché e i conten uti andranno perciò calibrati in funzione dell’interlocutore. Aprire la propria vita privata al pubblico, essere incline a dirette frequenti, raccontare il proprio profilo personale ancor prima di quello politico, è la chiave di volta per utilizzare questo strumento. Se sei un politico over 50, poco disponibile a dare accesso alla propria vita privata, hobby, passioni, stile di vita, ci penserei qualche momento in più. Il rischio è quello di apparire, ad un target non di riferimento, patetico e approssimativo.

ti è piaciuto? condividilo su

LEGATI.

Ecco perché il Governo giallo-verde conviene più alla Lega Nord che al Movimento 5 Stelle.

Si sono legati in tutti i sensi. Lo hanno fatto nel nome della volontà dei cittadini, sottoscrivendo un contratto di governo. Lo hanno fatto supponendo di essere l’uno lo sparring partner ideale dell’altro.

Ma oggi, a poco meno di un anno dal giorno in cui Lega Nord e Movimento 5 Stelle si sono legati in matrimonio di governo, il vero movimento sembra essere quello di Matteo Salvini, ed i 5 Stelle sembrano arrancare alle spalle dei verdi. Il Movimento 5 Stelle ha stravinto le elezioni, alzando il tiro su più fronti. Esponendosi perciò ai contro ineluttabili che il cambio da opposizione a maggioranza impone.
La Lega Nord si è concentrata su un programma più snello, un’esposizione meno netta e perciò a dei rischi nettamente più bassi.
Perché la Lega Nord potrebbe fagocitare il Movimento?
Troppo forte l’opposizione, tanto rischiosa la maggioranza. Il M5S ha legato la propria ascesa a dei fortissimi (quanto quasi sempre giusti ed opportuni) cavalli di battaglia.
No Triv, No Tav, No Vax, No Tap. Su quest’ultima sappiamo come è andata, e che le colpe siano pregresse, di amministratori locali che oggi si fingono fieri condottieri della battaglia alla TAP, come dei Governi precedenti, all’elettorato non scende l’aver sperato invano. La TAV è caso districato e appare più probabile la continuazione che non la chiusura dei cantieri. Sui vaccini, una linea più morbida (ed anche sana) all’orizzonte, ha spiazzato i più accaniti No Vax. Sulle trivelle invece si è posto un argine di 3 anni, dopo si vedrà.
In aggiunta il Movimento ha acquisito poltrone molto gravose come : lavoro, sanità e opere pubbliche, perciò non può, soprattutto nella battaglia alle grandi (inutili opere) deviare alcuna responsabilità se non ad amministrazioni pregresse e ad una campagna troppo imprudente.

L’altra sponda del Governo ha invece usato una più prudente quanto determinata campagna focalizzata su: pensioni e immigrazione. Il primo tema ha l’impatto sociale quantitativamente più rilevante: costo più importante dello Stato, Paese sempre più vecchio, elettorato che conta la percentuale di astensionismo più bassa. Trasversale ma fortemente focalizzata negli over 60, la tematica dell’immigrazione, si mostra tema cardine a livello mondiale.
Proprio su quest’ultimo il Ministro degli Interni Salvini, può vantare il privilegio di scaricare il barile sull’Europa, ONG, mafie e clandestini. D’altronde parlare di immigrazione è come parlare di turismo, mobilità, globalizzazione. È di per se un fenomeno connaturato nelle vite umane e porre un blocco è inimmaginabile tanto quanto supporre la scomparsa della povertà e delle guerre.
Un problema così ampio per soluzioni solo utopiche. Ben altro significherebbe fare giustizia, ovvero accogliere i meritevoli, soccorrerli. Identificare e punire i reati. Dunque il problema non è l’immigrazione ma la giustizia, la soluzione di facciata sta a Salvini, la soluzione di fatto sta a Bonafe.

Il Movimento perciò si ritrova ben più responsabilità a causa di una linea più netta e determinata. In un percorso che già nel 2015 descrissi, il Movimento avrebbe formalizzato processi e ruoli, avviando una trasformazione in partito, i partiti avrebbero acquisito imprinting e modelli più flessibili, in un tentativo di posizionarsi come movimento.

Ecco perché l’elettorato della Lega Nord può ritenersi più flessibile alle nuove dinamiche di cambiamento, accettando di buon grado alleanze (compreso il Movimento) e programmi. Di contro il Movimento più rigido perché meno incline ad aperture tipiche dei partiti, ha un elettorato che non perdonerà l’alleanza con la Lega Nord, le scivolate Triv,Tap,Vax e chi più ne ha più ne metta.

Non sarà certamente il lavoro del grafico che ha cancellato “Nord” dal simbolo della Lega, ma l’invasione di campo nell’elettorato del Movimento deriva anche da questo nuovo posizionamento nazionale, non più federale, che sfonda gli argini a destra, dove l’Italia è orfana di partiti rappresentativi, ed in balia del berlusconismo da più di un ventennio.

ti è piaciuto? condividilo su