Archivio mensile Dicembre 2018

Qualità della vita 2018, la situazione nella Provincia di Lecce.

La consueta indagine de Il sole 24 ore rivela la qualità della vita 2018, ecco la situazione nella nostra provincia.

Come ogni anno, prima del nuovo anno, arriva il report qualità della vita 2018 , l’indagine del Sole 24 ore che prende in considerazione 42 parametri, dall’ambiente all’ecosistema urbano, dal reddito pro capite al tasso occupazionale. C’è spazio anche per un’indagine sulla parità di trattamento economico per sesso, e sulla capacità del territorio di rappresentare una realtà smart e fruibile nei suoi servizi.

E’ pur sempre ambiguo e particolarmente difficile parlare di qualità della vita, poiché a questa definizione si legano troppe considerazioni di carattere soggettivo. Tuttavia l’utilizzo di 42 parametri, ben individuati, portano ad una definizione che, se non ha a che fare con la definizione della qualità della vita, sicuramente qualifica il grado di civiltà e sviluppo di una provincia.

Partiamo col dire che la provincia di Lecce ha fatto un gran passo in avanti,  scala 12 posizioni. Tra i parametri che balzano all’occhio, e di cui si fatica a trovare la correlazione con la il concetto di qualità della vita, c’è l’aumento vertiginoso dei canoni di locazione, che porta Lecce e la sua provincia al 29° posto, e l’ambiente che, nonostante l’emergenza rifiuti, le discariche abusive e le ormai note statistiche di incidenza tumorale ai polmoni tra le prime d’Italia, ci vede salire al 67° posto. I canoni di locazione potrebbero aver risentito delle strategie di prezzo applicate alle strutture ricettive, per l’ambiente viene più facile considerare non tanto il miglioramento del Salento, quanto il peggioramento netto di alcune realtà (tutte del sud).

Splendida invece, ed inequivocabile, la prestazione del territorio nei parametri di sicurezza e presenza di start up innovative, 46 esima posizione che, analizzata in un contesto economico sicuramente meno competitivo di altri, si arricchisce di speranza.

Pessime, orrende, le notizie sul fronte dell’occupazione giovanile, 93 esimi, PIL pro capite (attenzione all’enorme sommerso) 100 esimi. Profondo nero per la classifica “affari e lavoro”, 105 esimi, ovvero la quinta peggiore provincia d’Italia.

Insomma, bene ma non benissimo, forse perché peggio di prima non si poteva fare, forse perché a salire qualche posizione era piuttosto facile.

ti è piaciuto? condividilo su